Riconquistare la ex: 4 domande da porsi per riaverla

È importante domandarsi innanzitutto le ragioni per cui bisogna riconquistare la ex visto che una donna arriva il momento in cui si sente in difficoltà a riprendere la relazione con il proprio uomo, fidanzato, ragazzo.

Una delle motivazioni più profonde è data ovviamente dalla paura di ripercorrere le vecchie dinamiche che all’interno della relazione portavano sofferenza. Indubbiamente la chiusura di una relazione ci rende estremamente fragili, si rimettono in discussione abitudini, convinzioni e si smarrisce la speranza di recuperare il rapporto o che la ex ci ami ancora.

Emozioni, sentimenti, soprattutto se condivisi e vissuti intensamente, difficilmente si perdono, ciò che sedimenta semmai è la paura di ritrovarsi con le medesime problematiche che hanno condotto il rapporto alla rottura, nei termini conflittuali del litigio e delle incomprensioni. Ecco perché spesso riconquistare la ex non è per niente facile. Anzi. Ma di questo ne parlo per bene nel mini corso gratuito che metto a disposizione di chi vuol riconquistare la donna amata.

L’amore è un elastico che puoi tirare ad un’estremità e sembrarti distante ma tornare con forza se ne lasci la presa, l’amore infatti, talora, ha solo bisogno di “riflettere su sé stesso”: la tua ex non smetterà di amarti semplicemente perché non state più assieme, così come accade a chi viene lasciato e sente il proprio sentimento accrescere e tormentarsi.

Riconquistare la ex: 4 domande da porsi per riaverla

1) Qual è il meccanismo che inizialmente muove la ex al rifiuto nella ripresa della relazione?

Di solito, nel tentativo di riallacciare i rapporti con la ex, ci si imbatte in una serie di errori. Il più invalidante, quello che rischia di creare ulteriori fratture è di diventare pressanti e supplichevoli, in uno status da “zerbino” che porta la ex ad avere fastidio, disagio, oppressione. Promettere in questa fase il cambiamento, è inutile e deleterio, perché non solo crea un corto circuito di nervosismo e fuga ma non si viene né ascoltati né presi sul serio.

2) Come comportarsi qualora ci si sia mantenuti con il giusto distacco ma lei non ha voglia comunque di vederti?

Non allarmarti, è decisamente nella norma che riconquistare la ex in questi casi è dura e lei non abbia testa, in seguito alla rottura, di incontrarti, è una reazione normale data dall’ansia per una situazione che ha provocato sofferenze e ne provoca ancora. E allora bisogna cercare di recuperare la lucidità, passare al vaglio della ragione i nostri atteggiamenti, comprendere dove abbiamo sbagliato e cosa avremmo potuto fare e dove rimediare, realizzare anche quali sono le vecchie ferite della nostra partner e se il nostro modo di agire ha in qualche modo portato a galla antichi dolori, rendersi contro degli errori: ogni reazione e ogni rottura è data da un nostro modo di agire, soprattutto se prolungato. Di questo ne sono esperti i diversi clienti che hanno seguito il corso completo per riconquistare la loro ex.

Non incalzarla dunque, anche in seguito ad un’attenta analisi della tua storia e dei tuoi errori, ora non saresti credibile e soprattutto confermeresti alla ex la giusta decisione presa se non le daresti la possibilità di elaborare il bisogno di distanza e da te e dalla sofferenza della relazione che da momentaneo allontanamento, potrebbe diventare definitiva e inamovibile.

3) È possibile dire o fare qualcosa affinché si possa riconquistare la ex?

E’ possibile creare una dissonanza cognitiva. Chi ci lascia, si aspetta da noi tutti quei comportamenti a cui il trauma di un abbandono inevitabilmente conducono: telefonate, richieste di ascolto e di aiuto, colpevolizzazioni, comunicazioni continue e non richieste.

Un sms a fine relazione (“Credo che la tua sia la giusta decisione, avrò sempre un ottimo pensiero e ricordo della nostra storia, prenditi cura di te e intanto: buona vita!”) che invece dia ad intendere che abbiamo recepito il contenuto della comunicazione e che sappiamo e vogliamo andare avanti, creano una sorta di shock e una prima importante riflessione sul proprio operato (“Avrò fatto bene?” “Non l’ho allora sorpreso!” “Come mai l’ha presa in questo modo?”), in seguito, sarà necessario un corretto no contact che presupponga in nessun modo che ci si metta in relazione, dunque: no telefonate, no status dolenti su facebook, intagram, twitter, non link tristi, nessun riferimento a voi (evitata però anche di andare a spiare gli status di lei).

In questo modo sarà ancora più forte il senso di smarrimento della tua ex. Successivamente, potrai pubblicare uno status a settimana dove ci si mostra sereni, postare delle foto che ti ritraggano in compagnia di amici e di amiche…e che ti vedano in forma, inserendo delle didascalie “ambigue” che destino la curiosità e pongano in una condizione di dubbio la ex fidanzata, ragazza, moglie o amante.

4) E se lei ha trovato un altro?

L’altro andrebbe contestualizzato come la “prova vivente” che i problemi erano reali, concreti. Segno di una situazione di crisi che si è radicalizzata fino alla rottura e al bisogno da parte della tua ex di risposte esterne. È necessario che alla confusione, alla rabbia, al dolore (“Come è possibile che mi abbia subito sostituito con un altro?” “Diceva che dopo di me non ci sarebbe stato nessun altro e invece..!” “Come ha fatto a dimenticarmi così?”) si tenga a mente e davvero che il fatto che anche se la ex vive una nuova relazione, non significa affatto che ti abbia dimenticato.

Le ragioni possono essere molteplici, quali: la paura della solitudine, il bisogno di attenzioni e che forse tu non le davi più e ciò non toglie, che al netto di quello che ti ha detto o dato ad intendere (anche se si eclissata dalle comunicazioni), che ha ancora e forte il pensiero per te e tale scelta non è determinate perché non avvenga un suo ritorno.

Ed è anche in questo caso, avrai la possibilità di comprendere le ragioni della chiusura e agire in modo tale che non solo, sarà possibile riconquistare la ex che ami ma anche rinsaldare in futuro il vostro rapporto e quindi:

RIEPILOGO PER RICONQUISTARE LA EX:

A) Analizzare ciò che non ha funzionato

B) Rimanere lucidi ed evitare se lo stai facendo di tallonarla e telefonarle o mandarle sms

C) Dopo un periodo di no contact (che valuteremo volta per volta), spedirle invece dei messaggi casuali che siano buffi o divertenti per ottenerne un feedback positivo

D) Evitare quando sarà il momento e nei contatti successivi di svilire il suo nuovo compagno

E) Dopo un tempo ragionevole che studieremo assieme, proporti per un incontro casuale

F) Applicare la riconquista.

Rifletti bene su quello che ci siamo detti, e non dimenticare di seguire i 4 video gratuiti che trovi proprio qui sotto, e che ti aiuteranno non solo a fare chiarezza, bensì a ritrovare te stesso e perché no, riconquistare la tua ex e tornare a sorridere insieme.

Un felice percorso di riconquista
Domenico Iapello (Autore e Motivatore Relazionale)

Guarda il video sul come riconquistare una ex

Commenti